Home page

Chi siamo

Chiedilo all'esperto
Forum

Lettere ricevute

Cerca nel sito

Compra e vendita
Tasse e imposte

Sicurezza in casa

Le assicurazioni
I mutui
Le aziende
Agenzie immobiliari

Newsletter

Noi proprietari
Siamo espropriati
Difendiamoci
Cosa vogliamo

Staff la casa
Via Circonvallazione 120
I-10072 Caselle (To)

Indirizzo email
Aggiornata al
June 16 2017

Informativa privacy
Scrivi al Webmaster

Versione mobile per cellulari Wap e PDA

Chiedilo al geometra - Consulenza immobiliare

Il geometra Giuseppe Sforza offre la sua collaborazione per rispondere a brevi quesiti pertinenti l'attività di geometra e in particolare ti offre consulenza su amministrazioni condominiali, pratiche comunali per rilascio di concessioni o autorizzazioni, DIA, pratiche catastali, etc.

Le risposte verranno date compatibilmente con gli impegni di lavoro del geometra e non subito. Ti informiamo, al fine di evitare abusi, che il sistema memorizza l'indirizzo IP.


Scrivi il tuo quesito
Elenco dei quesiti
Quesiti precedenti al 1 marzo '02
Risposte precedenti al 1 marzo '02
Le risposte più recenti
Cerca:
or and

Geom. Giuseppe Sforza
Via A.G. Barrili 13 r
16143 Genova
Tel. 010 355577
Email: geostart@libero.it


  • Oggetto: l'art 1125 c.civile di riccardo del 04/12/2003, 12:24
    Messaggio: gentile geometra, sono proprietario di un appartamento al 4 piano di uno stabile con 5 appartamenti. il solaio del mio balcone presenta nette crepe causate dall'umidità proveniente dal balcone del piano superiore che essendo un attico è scoperto dal tetto.Il proprietario del suddetto piano vuole dividere le spese in base all'art 1125, ma io non sono d'accordo xchè non si tratta di normale manutenzione bensì di un danno da lui provocato.E poi ci sono le spese del frontalino che gli altri condomini non vogliono pagare.Posso far valere le mie ragioni o sono tenuta a pagare? Grazie
    • Re: l'art 1125 c.civile di Geom. Giuseppe Sforza del 09/01/2004, 11:18
      Direi che la situazione è piuttosto complessa ed effettivamente occorrerebbe accertare le cause che hanno provocato il danno, il mio consiglio è quello di far "fotografare" la situazione con una perizia.
      Saluti

  • Oggetto: Scaldabagno e amministratore di Gemma Piasere del 04/12/2003, 09:31
    Messaggio: Egr. Geom. Sforza
    Ho acquistato da poco un appartamento in una palazzina dei primi anni '60 composta da 9 unità. E' mia intenzione posizionare in cucina uno scaldabagno a gas: l'edificio non è fornito di canna fumaria funzionante e quindi, se non ho mal interpretato la legge, sarei obbligata a scaricare i fumi direttamente a parete tramite filtri appositi.
    L'amministratore mi ha espressamente vietato questa procedura, implicitamente obbligandomi pertanto ad optare per uno scaldabagno elettrico.
    Posso oppormi a questa sua "imposizione", si può verificare in altro modo se esistono dei reali impedimenti a questa procedura (impedimenti che ovviamente l'amministratore non ha riportato!) oppure sono obbligata a sottostare alla sua parola (scritta).
    La ringrazio infinitamente per la sua attenzione.
    Cordiali saluti.
    Gemma Piasere
    • Re: Scaldabagno e amministratore di Geom. Giuseppe Sforza del 09/01/2004, 11:19
      Per gli scaldabagni (non per le calderine) a quanto mi risulta è possibile scaricare in facciata.
      Saluti

  • Oggetto: chi deve pagare i millesimi? di DANILO del 04/12/2003, 08:31
    Messaggio: Ho acquistato un appartamento con sottotetto da circa un anno.
    Ho ristrutturato l'appartamento e trasformanto il sottotetto in mansarda della quale sto per richiedere l'abitabilità.
    I condomini vorrebbero che pagasssi di tasca mia il geometra per la perizia di variazione dei millesimi.
    Qual'è la procedura per richiedere la variazione?
    La devono pagare tutti i condomini o solo io che ho ristrutturato l'appartamento?
    • Re: chi deve pagare i millesimi? di Geom. Giuseppe Sforza del 09/01/2004, 11:20
      Giustamente Lei deve sostenere le spese per la revisione millesimale, occorre rivolgersi ad un tecnico.
      Saluti

  • Oggetto: condomina di smith gabriella del 03/12/2003, 15:36
    Messaggio: come si stabiliscono le pertinenze condominiali?
    • Re: condomina di Geom. Giuseppe Sforza del 09/01/2004, 11:20
      Da regolamento o da atti notarili!
      Saluti

  • Oggetto: obbligo nomina amministratore di cristian cervi del 03/12/2003, 11:38
    Messaggio: in una palazzina di 6 appartamenti, è possibile amministrare autonomamente (grazie magari a qualche scappatoia legale) il comdominio o si è obbligati a nominare un amministratore?
    occorre essere iscritti all'albo?

    grazie.

    cristian cervi
    • Re: obbligo nomina amministratore di Geom. Giuseppe Sforza del 09/01/2004, 11:21
      Si è obbligati a nominare un amministratore!
      saluti

  • Oggetto: decreto ingiuntivo di Giovanna del 03/12/2003, 09:02
    Messaggio: gent.mo geometra,
    il condominio nel quale vivo ha ordinato dopo regolare assemblea di eseguire alcuni lavori per la copertura del tetto da cui c`erano delle infiltrazioni. La ditta che ha eseguito i lavori ha dovuto effettuare a ragione anche il rifacimento delle pendenze del tetto e la spesa è stata superiore a quello preventivato in assembela. A distanza ormai di un anno 4 condomini non hanno versato ancora le loro quote e la ditta ci ha inviato un decreto ingiuntivo .Volevo chiederle in che misura i condomini noon morosi sono responsabili del pagamento. Anche io rischio il pignoramento dei beni? E in che modo un giudice stabilisce chi deve pagare per loro? Come posso tutelarmi?
    • Re: decreto ingiuntivo di Geom. Giuseppe Sforza del 09/01/2004, 11:22
      Putroppo tutto il condominio risponde in solido alle morosità pertanto sarebbe stato opportuno prima di arrivare a ciò che l'amministratore facesse emettere decreto ingiuntivo ai morosi!
      saluti

  • Oggetto: gestione condominio di orietta del 02/12/2003, 19:42
    Messaggio: Sono stata recentemente incaricata di elaborare un regolamento condominiale e di redarre le tabelle millesimali per un piccolo condominio. tra breve si dovrà effettuare la 1° assemblea nella quale si dovranno approvare le tabelle, il regolamento e nominare un amministratore che, probabilmente, sarà la sottoscritta.Vorrei gentilmente sapere come gestire la parte burocratica delle assemblee: tenuta di un registro, se le delibere dell'assemblea devono essere controfirmate da alcuni condomini....
    Gentilmente si ringrazia per l'attenzione.
    • Re: gestione condominio di Geom. Giuseppe Sforza del 09/01/2004, 11:23
      Si rivolga ad un'associazione di categoria per tutte le informazioni del caso.
      Saluti

  • Oggetto: condono edilizio 2004 - magazzino sito nella regione sicilia di davide del 02/12/2003, 16:38
    Messaggio: gent.mo geometra, mi trovo in difficoltà per la costruzione di una palazzina operata circa 40 anni fa composta da tre piani f.t. ed un seminterrato. in quest'ultimo alto circa 5,40 mt col passare degli anni fu fatto un magazzino: nella fattispecie creammo un magazzino di circa 90 mq senza toccare la struttura base abitativa e così si venne a formare un magazzino di 3 mt di altezza che fu tolto dai precedenti 5,40 mt. La parte restante divenne camera d'aria e quindi non utilizzabile. Il magazzino in questione è in attesa di essere venduto ad un compratore che però prima di fare l'atto mi richiede il certificato di agibilità, nonostante sia sul compromesso, che sul rogito appare trascritta la voce con la quale il venditore si impegna a produrre questo certificato, a mio parere non necessario per la vendita, nel minor tempo possibile.
    Geometra le chiedo: il compratore può tirarsi indietro per la mancanza di questo certificato? Per produrre questo certificato devo effettuare la sanatoria del magazzino in argomento di 90 mq? quanto mi verrebbe a costare? posso vendere anche senza il certificato di agibilità? In attesa di una risposta porgo cordiali saluti e ringrazio per la cortese delucidazione.

  • Oggetto: condono edilizio 2004 di elena rossi del 02/12/2003, 16:10
    Messaggio: Buongiorno.. alcuni anni fa ho acquistato un appartamento e ho creato un muretto abbattendo una parte di una parete che divideva il salotto dall'anticamera. Questo senza le autorizzazioni necessarie.
    Ora visto il condono edilizio ero intenzionata a sanare la mia posizione.
    Questa ristrutturazione rientra in quelle previste dalla sanatoria? Quanto dovrò pagare? e cosa devo fare x farlo?
    La ringrazio in anticipo

  • Oggetto: Installazione canna fumaria di Denis del 02/12/2003, 15:25
    Messaggio: Devo installare al piano terra in una casa composta da piano terra e primo piano, una caldaia stagna in un locale ad essa adibita che si trova sotto un terrazzo che misura circa 5 metri di larghezza e si scosta dalla casa di circa 4. Posso collegare la canna fumaria facendola uscire direttamente dal locale superando l'altezza del terrazzo o mi devo collegare al muro perimetrale della casa e quindi superare il tetto? grazie della collaborazione
    • Re: Installazione canna fumaria di Geom. Giuseppe Sforza del 09/01/2004, 11:24
      Occorre presentare un progetto in comune e attendere l'autorizzazione.
      Saluti

Pagina: 1 di 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 36 | 37 | 38 | 39 | 40 | 41 | 42 | 43 | 44 | 45 | 46 | 47 | 48 | 49 | 50 | 51 | 52 | 53 | 54 | 55 | 56 | 57 | 58 | 59 | 60 | 61 | 62 | 63 | 64 | 65 | 66 | 67 | 68 | 69 | 70 | 71 | 72 | 73 | 74 | 75 | 76 | 77 | 78 | 79 | 80 | 81 | 82 | 83 | 84 | 85 | 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | 95 | 96 | 97 | 98 | 99 | 100 | 101 | 102 | 103 | 104 | 105 | 106 | 107 | 108 | 109 | 110 | 111 | 112 | 113 | 114 | 115 | 116 | 117 | 118 | 119 | 120 | 121 | 122 | 123 |


Fuoco e legna banner