Home page
Feed logo Casa e Condominio
Archivio Articoli
Archivio Argomenti
Chi siamo

Chiedilo all'esperto
Forum

Lettere ricevute

Cerca nel sito

Compra e vendita
Tasse e imposte

Sicurezza in casa

Le assicurazioni
I mutui
Le aziende
Agenzie immobiliari

Newsletter

Noi proprietari
Siamo espropriati
Difendiamoci
Cosa vogliamo



Staff la casa
Via Circonvallazione 120
I-10072 Caselle (To)

Indirizzo email
Aggiornata al
June 16 2017

Informativa privacy
Scrivi al Webmaster

Versione mobile per cellulari Wap e PDA

I proprietari di casa
Condominio e problematiche immobiliari


Quando l'inquilino va dal SUNIA

La lettera del SUNIA sindacato inquilini

Proprietari, attenti a quello che fate!

Riceviamo diverse email da proprietari "disperati" che ci chiedono cosa fare: il loro inquilino è andato dal SUNIA, il sindacato degli inquilini, a far valere le proprie ragioni.

Il Sunia ha scritto una lettera al proprietario in cui chiede la restituzione del maltolto e la riconsegna nelle mani dell'inquilino dei soldi pagati in più da quest'ultimo.

In alcuni casi si tratta di cifre modeste, in altri casi si tratta di vere e proprie batoste che arrivano anche a 30 o 40 milioni di lire da restituire.

Il nostro proprietario di casa ha affittatto un alloggio circa 10 anni fa con un contratto equo canone. Per un errore nel calcolo del canore (calcolo astruso e macchinoso, una vera vergogna legislativa) è risultato che la pigione mensile pagata dall'inquilino risultava circa 70.000 lire più alta del dovuto: 420.000 lire anziché 350.000 lire. Così ora deve restituire quasi 10.000.000 di lire, accumulati in 10 anni, in un colpo solo.

Quel cravattaro di proprietario!

Affamatore della povera gente, faceva pagare al suo inquilino 420.000 lire al mese, ma come si permette! Che restituisca subito il maltolto.

Cari proprietari questa è la legge che ci fa fessi !

Per di più il nostro proprietario ha pure registrato il contratto, denunciando le 420.000 lire e pagandoci le tasse su quella somma.

Chi gliele restituisce al proprietario le tasse pagate in più su 10.000.000 di lire? E non parliamo di quando sono 40 i milioni da restituire. Una vigliaccata ai danni del proprietario che, credendo di essere nel lecito, se lo ritrova in quel posto. Un inquilino accetta e paga una pigione, poi dopo dieci e più anni si fa restituire i soldi. Un comportamento, a nostro avviso, da vigliacchi.

Che bella lezione da parte del SUNIA, il sindacato degli inquilini. Legatelo al dito! La legge sta dalla loro parte, non ci puoi fare niente. Devi pagare e restituire il malloppo.

Morale della favola: il nostro proprietario da questi 10 anni di locazione non ha guadagnato una lira, perché tra le tasse e le spese sostenute per gli adeguamenti alle normative e via dicendo, più la restituzione del bottino ci ha pure rimesso. Bilancio in perdita, rosso, sotto zero!

Gli articoli della legge che determinavano l'equo canone, con la 431/98, sono stati abrogati, ma attenzione che in agguato ci sono altre insidie e contratti ad equo canone in giro ce ne sono ancora.




Fuoco e legna banner